Medicina olistica: un approccio completo alla salute

Medicina olistica un approccio completo alla salute

I principi alla base della medicina olistica e l’approccio globale alla salute e al benessere psico-fisico della persona

Nel mondo sempre più frenetico in cui viviamo, la medicina olistica sta emergendo come una via alternativa e complementare per guarire non solo il corpo, ma anche la mente e lo spirito. L’approccio olistico alla salute considera l’essere umano come un sistema integrato di corpo, mente e spirito, e mira a trattare le cause alla base dei disturbi anziché semplicemente i sintomi che si manifestano. In questo articolo esploreremo la medicina olistica, i suoi principi fondamentali e come può integrarsi con la pratica medica convenzionale.

L’olismo: il concetto di olistico e il suo significato

La medicina olistica ha una visione dell’uomo come essere intero, unico, non frazionabile in parti. È un microcosmo all’interno di un macrocosmo, la natura di cui fa parte. È proprio il termine olismo, coniato nel 1926 dal politico e filosofo sudafricano Jan Smuts, ad indicare quella tendenza della natura a raggruppare in maniera organica ogni settore della realtà in sistemi strutturali complessi, aventi proprietà qualitativamente nuove rispetto a quelle che deriverebbero dalla mera somma delle caratteristiche degli elementi di cui sono composti.

L’olismo è dunque un principio che presiede alla creazione della totalità, per cui la natura produce degli interi con qualità diverse e non prevedibili rispetto alle caratteristiche delle singole parti. Un esempio molto intuitivo che spiega questo meccanismo riguarda l’acqua: questo elemento nasce infatti dall’unione di una molecola di idrogeno e da due di ossigeno, ma presenta qualità totalmente nuove rispetto agli elementi chimici che la costituiscono. 

L’approccio olistico alla salute

Tra tutti i sistemi di livello superiore, la persona costituisce il massimo grado di complessità, per via della presenza della psiche, ben più complessa rispetto ai neuroni e legata al corpo da una stretta corrispondenza biunivoca. Inoltre, nella persona entra in gioco anche lo spirito, un qualcosa in più rispetto alla psiche, che abita e vivifica il sistema mente-corpo. Solo attraverso la connessione con il sé più profondo, l’uomo è in grado di superare la visione parziale delle parti e connettersi al tutto, riconoscendo le infinite interrelazioni esistenti fra tutte le cose. Per far sì che ciò accada, la visione analitica non basta, bensì è necessaria una visione d’insieme, poiché, infatti, nessuna descrizione della parte può essere al contempo descrizione dell’oggetto al quale appartiene.

Tanto è vero che per comprendere l’approccio olistico alla salute è necessario ricorrere alla metafora dell’ologramma. Come nell’ologramma ogni parte contiene le informazioni dell’intero, così anche in ogni cellula del corpo umano sono contenute tutte le informazioni relative all’intero organismo e, analogamente, in singole parti del corpo sono contenute tutte le informazioni relative alla persona interna.

Cos’è la medicina olistica?

È proprio il modello olografico a costituire la base della medicina e della psicologia olistiche. Numerose ricerche, come gli studi sulla matrice o sui sistemi aperti, hanno dimostrato l’influenza dell’ambiente in cui le cellule di ogni singolo apparato sono immerse sul benessere dell’organismo, confermando la necessità di un approccio globale alla salute. Anche la scienza ultimamente ha trovato conferme riguardo alla stretta interazione tra i diversi sistemi dell’organismo, come nel caso dei sistemi endocrino, immunitario e nervoso che comunicano continuamente con la psiche.

Tutto questo corrobora quindi i principi alla base della visione olistica dell’individuo, concepito come l’unione di mente e corpo, e introduce un diverso approccio alla salute e alla malattia, promosso proprio dalla medicina olistica. Un metodo che non esclude in alcun modo il ricorso alla medicina convenzionale ma prevede l’integrazione con terapie e pratiche complementari volte a promuovere il benessere globale della persona.

Alla luce di questo approccio omnicomprensivo alla salute psico-fisica, la medicina olistica punta a trattare l’individuo nel suo insieme, considerando aspetti fisici, mentali, emotivi e spirituali, anziché focalizzarsi esclusivamente sui sintomi o su singole parti del corpo. Ogni trattamento viene personalizzato in base alle esigenze di ogni individuo e si pone l’obiettivo di incoraggiare il potenziale di guarigione naturale del corpo, fornendo le condizioni ottimali per il recupero. 

Le diverse tipologie di trattamenti olistici

Le terapie olistiche comprendono un’ampia gamma di approcci e pratiche differenti. Un ruolo essenziale è svolto dalla nutrizione: una dieta bilanciata e ricca di nutrienti è fondamentale per la salute olistica, permettendo al corpo di vivere bene e di mantenersi in forma. Ad essa si uniscono l’omeopatia, l’omotossicologia e numerose terapie energetiche, tra cui l’agopuntura e la riflessologia che si focalizzano sull’equilibrio dei flussi energetici del corpo, favorendo il benessere psico-fisico. Vista la stretta connessione tra mente e corpo, inoltre, non possono essere trascurate le principali tecniche di meditazione come lo yoga e gli esercizi di mindfulness. Infine, viene fatto ricorso alle pratiche derivanti dalla medicina tradizionale cinese e ayurvedica che prevedono l’utilizzo di erbe medicinali o integratori per il trattamento di numerosi disturbi, facilitandone la guarigione.

I benefici delle discipline olistiche nel quotidiano

È importante sottolineare che le terapie previste dalle discipline olistiche non mirano a sostituire i trattamenti della medicina convenzionale, bensì ad integrarli apportando ulteriori benefici alla persona, proprio grazie alla combinazione tra le due tipologie di trattamento. In particolare, i trattamenti delle discipline olistiche possono risultare altamente efficaci per chi soffre di patologie croniche, riducendo la dipendenza dai farmaci e migliorando notevolmente la qualità della vita.

Concludendo, è possibile quindi affermare che la medicina olistica rappresenta un approccio all’avanguardia, riconoscendo l’interconnessione tra corpo, mente e spirito e promuovendo il benessere globale dell’individuo. Con un’enfasi sulla prevenzione, la personalizzazione del trattamento e l’integrazione delle terapie, le discipline olistiche offrono infatti un approccio completo alla salute che può migliorare significativamente il benessere della persona. Attraverso l’integrazione dei principi della medicina convenzionale, basata sulle evidenze delle ricerche scientifiche, la medicina olistica si rivela quindi una risorsa preziosa per coloro che cercano di migliorare il proprio stile di vita e la propria salute.


Fonti

  1. Melai A., Trevisani C., Introduzione alla Naturopatia, Edizioni ENEA, SI.RI.E. S.R.L.
Il naturopata un professionista del benessere

La professione del naturopata e come si diventa un operatore del benessere altamente specializzato Negli ultimi trent’anni si è registrato un interesse crescente da parte delle persone nei confronti della medicina complementare e alternativa per soddisfare le proprie esigenze di salute. Tra i diversi approcci olistici alla salute, quello della Naturopatia rimane uno dei più […]

Alla scoperta dell’energia vitale e di tutti i consigli e rimedi naturali per aumentarla e sentirci meglio L’energia vitale si riferisce alla forza o all’energia che si ritiene sia presente in tutti gli esseri viventi, sostenendoli nella loro esistenza e contribuendo alla loro costante rigenerazione. Questa energia viene infatti spesso associata alla vitalità, alla salute […]

RUBRICHE