inverno medicina tradizionale cinese

C’è chi ama l’inverno e chi, invece, non vede l’ora che tornino le temperature più miti, ma senza dubbio la ciclicità delle stagioni va sfruttata anche per rigenerare l’organismo dopo quei momenti di grande espansione in cui l’energia Yang ha predominato. Secondo l’antica filosofia su cui si basa la Medicina Tradizionale Cinese si ha la costante alternanza degli opposti, la loro interazione e la trasformazione l’uno nell’altro. L’essenza dell’universo è dunque un movimento incessante in cui mentre uno cala, l’altro cresce (e viceversa) e questo concetto può essere traslato anche all’alternarsi delle stagioni

L’inverno è la stagione maggiormente dominata dallo Yin, in cui il freddo e il buio la fanno da padrona così come la densità degli elementi: l’acqua gela, la terra diventa secca e dura. La stessa cosa succede anche all’organismo: le energie tornano a circolare in profondità, si ha meno voglia di uscire e si tende a dormire di più e restare nel caldo della propria dimora. Questa ricerca di calma e pace è dettata dal bisogno di rigenerazione dopo la stagione estiva ed è finalizzata al benessere e alla ricerca di equilibrio, va sicuramente assecondata, adattando lo stile di vita, le attività, l’alimentazione e il sonno. 

I cibi da prediligere durante l’inverno

L’alimentazione dovrebbe quindi allinearsi e favorire questo movimento naturale per permettere all’organismo di adattarsi alle temperature esterne. I cibi da preferire sono quelli che aiutano tale processo e le cui parti sono profonde, sotterranee come, ad esempio, i tuberi, le radici e gli alimenti contenuti in baccelli (come ad esempio i legumi). I piatti che si cucinano e si mangiano dovrebbero contenere più grassi e andrebbero preferiti quelli cotti rispetto ai crudi (eventualmente da prediligere a pranzo rispetto alla cena quando lo Yang è al massimo), le cotture dovrebbero essere prolungate e le bevande calde.

Uno dei sapori da prediligere è il piccante che nutre il Polmone che ha lavorato molto in autunno e lo rigenera, armonizza il Rene che viene associato invece alla stagione invernale, scalda e attiva lo Yang in profondità mobilizzandolo, proteggendo così il corpo aggredito dalle temperature fredde e portando verso l’esterno un eventuale patogeno. Grazie al piccante si muoverà anche l’umidità creata dal maggior consumo di cibi grassi.

Il dolce (inteso come sapore “cinese” e quindi un dolce moderato) invece rilassa e tonifica la milza e tutti gli altri organi.

Via libera quindi a cereali come avena, farro, miglio, riso, legumi come ceci, lenticchie e fagioli, frutta secca e semi, cicoria, cipolla, porri, rape, ravanelli, scalogno, sedano, aglio, capperi, rosmarino, timo. Spezie come cannella, chiodi di garofano, coriandolo, maggiorana, noce moscata, origano, paprica, peperoncino, zenzero.

Perfette le zuppe calde e dense di sole verdure o miste a legumi. 

Andrebbero ridotti invece i cibi freddi come la frutta, le verdure crude e i latticini. 

Ottimi i cibi “salati”  (non alimenti conservati sotto sale o insaccati) come avena, piselli, orzo, salsa di soia. 

Anche lo stile di vita dovrebbe adeguarsi al nuovo ciclo giorno-notte. Bisognerebbe evitare il freddo per evitare dispersioni inutili di energia e prediligere invece il caldo, andare a dormire presto per svegliarsi un po’ più tardi e organizzare le attività giornaliere seguendo la luce del sole. Adottare un comportamento diverso rischia di compromettere il Rene che è estremamente importante a livello energetico in quanto rappresenta il sistema da cui si originano lo Yin e lo Yang, i meridiani e le energie che il nostro corpo utilizza, oltre a conservare il Jing, la nostra essenza vitale che contribuisce al nostro sviluppo, salute e longevità. Inoltre, il Rene è l’organo che governa le ossa, i denti, i midolli, il cervello, è legato alla buona funzionalità dell’udito, degli orifizi, conferisce lucentezza e vigore dei capelli, sostiene la volontà.

Frutta e verdura di stagione

Verdura

Bietole, broccoli, carciofi, cardi, carote, cavolfiori, cavoli, cicorie, cime di rapa, finocchi, insalate, patate, porri, radicchi, sedani, spinaci, zucche.

Frutta

Arance, kiwi, mandarini, mele, pere, pompelmi.

 

simo

©2022 Scuola SIMO - SIMO è un marchio della SI.RI.E. SRL Milano P.IVA 12129600156
Ripa di Porta Ticinese, 79 20143 Milano | CONTATTI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY | NOTE LEGALI

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

You have Successfully Subscribed!